Ndrezzata di Buonopane: il testo

La Ndrezzata è il canto rituale per eccellenza dell’isola di Ischia, e precisamente della frazione di Buonopane, nel comune di Barano. Danza con spade e bastoni (in buonopanese mazzarielli), la ‘ndrezzata viene recitata in feste e occasioni speciali a Ischia e nel mondo, ma gli appuntamenti fissi sono il giorno di pasquetta e a fine giugno in occasione della festa di San Giovanni Battista.

Canto dalle origini molto antiche: c’è chi lo fa risalire addirittura ai tempi della colonizzazione dei greci. La danza nasce “ufficialmente” da una vicenda che si fa risalire al 1540, quando una fanciulla perse una cintura in corallo che le fu donata dal fidanzato, pescatore baranese. Un giovane di Buonopane ritrovò la cintura ma senza alcuna intenzione di restituirla alla legittima proprietaria, alla luce dell’aspra rivalità tra Barano e la stessa Buonopane. Nacque così l’ennesima “guerra” tra le due frazioni: si arrivò però ad una insperata pace, poi celebrata il successivo lunedì dell’angelo, quando le due parti bruciarono la cintura e i buonopanesi festeggiarono ballando proprio la ‘ndrezzata.

Il testo della ‘ndrezzata

« ‘Ncoppa Santu Nicola alleramente
‘a tutto ‘o munno corre tanta gente
chi cu chitarra e chi cu mandulino
vanno a vedé lu sole a la matina.
‘Ncoppa Santu Nicola è ‘na bellezza oi né
e quanno spont’ ‘o sole so’ cose ‘a stravedé.

M’aggio truvato ‘a nenna all’Epomeo
e ll’aggio spiata si vo’ fa’ ll’ammore
e m’ha risposto bella e appassiunata
ma vallo a dire a lo mio genitore.
‘Ncoppa Santu Nicola è ‘na bellezza oi né
e quanno spont’ ‘o sole so’ cose ‘a stravedé.

(recitato)
“Io vengo da monte Cupo
per darvi un gran saluto.
Io vengo da Tarantiello
cu na lanza e nu spurtiello.

Noi siamo tre fratelli
tre valenti marenari:
uno si chiama Gennaro
pesca treglie e calamare
‘n auto se chiamma Vicienzo
e pesca senza licenza;
scusate signori miei
mio patre m’ha miso a nnomme Puletrone
pecché tengo sempre mmano stu bastone!

‘Na sera jevo passanno pe’ ‘stu mare
veco ‘nu cefalo ca s’appiccecava cu ‘nu calamare.
Cu la lanza lu lanzaje
cu lu cuoppo lu cuppaje
e dinto a lu vuzzo lu menaje.

Me trovo passanno pe’ Santa Lucia
tutti me diceno: -Uh che cefalo ‘ncuscienza mia!-
‘O gabbellotto rummanette ‘ncantato:
-Comme, stu cefalo accussì gruosso ‘hê piscato?-

Veco nu calabrese
da tanto luntano
cu quattro ‘rane ‘mmano
vuleva fa’ ‘a spesa:
scusate signori miei,
io cu quatto ‘rane ce pozzo passà?

Nossignore!

Me vene ‘a bile pa testa
metto ‘a mano ‘inta sacca,
caccio ‘o curtiello
e dongo ‘na botta a ‘stu cappiello.

‘O cielo m’ha aiutato.
‘o cappiello ‘nun s’è sfunnato.
…Alice!… Alice!….

‘St’uocchie tuoje so’ ddoje curnice,
si saglio ‘ncoppa mammeta che me dice?

Saglie… saglie… ca sì ‘o patrone da casa!

Io pe’ ve fà vedé ca songo ‘nu valente marenaro,
dongo ‘o divertimiento a ‘sti signuri e me ne vaco!”
(fine recitato)

Trallera trallera
tirirà llirà llallera
trallera trallera
tirirà tirirà llallera
e tirà llirà llallera
trarialill’arillallà.

Tu vide comme sfila
‘stu vuzzo ‘ncoppa all’acqua
oi né che t’aggio fatto
ca nun ce vulimmo cchiù?

La lana che ne faje?
la freva te fa venire!
‘nu matarazzo ‘e stoppa
cchiù ffrisco te fa sta.

‘Ntunino ‘e Nabbulione
s’ha fatto llu ddagone
s’ha fatto llu ddaghino
‘Ntunino ‘e Giacumino.

Uno ddoje e treja
quatto cinche seje sette e otto.

Nun saccio che vurrisse
‘nu lietto de viole?
ma mò n’ è tiempo ancora
e cuntiéntate pe’ mò…

E mastu Raffaele
era nu capo fumatore
pe’ s’appiccià ‘na pippa
ce metteva cchiù de n’ora…
E llà llà llà
sempe chesto saje fa’.
Sì mastu Raffaele
e nun te ne ‘ncaricà!

Sfacciata petentosa
ca ce lo dico a mammeta
e cu ‘n’ata perna ‘e sposa
e zencariello e llariulà…

‘Sta po’ra vicchiarella
tu vide comm’è ridotta
e sotto all’aria strutta
nun pò cchiù cumparé…

Quanno me cocco ‘a sera
m’abbraccio a ‘stu cuscino
e quanno è ‘a matina
sempe penzanno a te.

Muglierema che m’è morta
era nu piezzo ‘e femmenona
teneva ‘e cosce storte
se vuleva addirizzà…

Pitidum tidum tindera
apitindum e apintindera
‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
‘ndandà ‘ndandà ‘ndandera
aritreja aritré.

Annita fai de pressa
raccogli la mappata
la barca è preparata
e bisogna di partì!

‘U treia ‘u treia ‘u treia

 

Purtualle lisce e musce
e lemoncielle pe’ scirià
si ‘a monaca jesce e trase
acquasanta piglia e vasa.

Figlia mia fa’ orazione
e peccata nun ne fà
si avesse nu buono vaglione
già facesse orazïone.

Figlia mia fa’ penitenza
e peccata nun ne fa.
Padre mio, so’ fiacche ‘e sense
e penitenze nun pozzo fa’.

Si t’assitte ‘o scannetiello
ce schïammo ‘o libbreciello
uva e bà, uva e bà
zi’ masto mio che t’aggia ‘a fa’?

Si veniva l’anno passato
teneva astipata ‘na scartellata
che puozz’essere scannata
jiuste pe’ ‘a tené astipata
‘U ttreja ‘u ttreja ‘u ttreja… »