Scampolo, l’isola degli anni ’50 in una divertente commedia tedesca

scampolo

Scampolo (noto anche con il titolo di Sissi a Ischia) è annoverabile senza dubbio tra i più divertenti film girati a Ischia. Uscito nelle sale nel 1958 per mano di una produzione tedesca, diretto da Alfred Weidenmann, il film ha come protagonista la bellissima Romy Schneider. L’attrice negli anni ’60 è stata celebre fiamma di Alain Delon, altro personaggio del cinema legato all’isola verde.

Ischia, la sua metamorfosi nel film

L’opera mostra la vecchia Ischia, quella dei pescatori e in piena riscossa post-bellica, ma anche un’isola che inizia a cambiare e che si apre definitivamente al grande turismo. Non a caso la protagonista del film (Scampolo, per l’appunto) sembra quasi vivere nel 21esimo secolo perché – come tante guide turistiche dei giorni nostri – aspetta in un porto affollato i turisti per guidarli poi in un giro dell’isola in tedesco. Scene, insomma, di vita quotidiana nelle caotiche estati isolane. Tra le location di questa commedia tedesca: Ischia Ponte tra piazzale con tanto di mercato e Castello Aragonese, Ischia Porto, il Belvedere di Fontana (nel comune di Serrara Fontana) e la Chiesa del Soccorso di Forio.

Scampolo, la trama del film

Scampolo è una ragazza che vive alla giornata a Ischia, senza particolari preoccupazioni. Cambia quando conosce l’uomo di cui si innamora, un architetto che sogna di vincere il concorso per il miglior progetto di un quartiere moderno a Napoli. Quando l’uomo manda il materiale per il concorso a Napoli ci sono però dei problemi con le poste e sarà proprio Scampolo a permettere che la cassa giunga al Ministero. La ragazza conosce il ministro, che accetta il progetto nonostante siano stati superati i termini fissati per la consegna. Il progetto dell’architetto sarà poi approvato, per la felicità di Scampolo e dell’uomo, che decideranno di sposarsi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: