L’omaggio dei Clogs ai giardini La Mortella

La band ha celebrato l’isola con l’album “The Creatures in the Garden of Lady Walton”
clogs2Non solo il cinema, anche un bel po’ di musica ha segnato la storia moderna di Ischia. Al di là delle tante canzoni che portano l’isola verde nel nome (e alcune di queste potremmo tranquillamente censurarle!), a spiccare è un intero album che gli australiani Clogs hanno dedicato ai Giardini La Mortella di Forio. Intitolato ‘The Creatures in The Garden of Lady Walton‘, il lavoro – uscito nel 2010 – è stato scritto cinque anni prima proprio ad Ischia dal chitarrista Padma Newsome, fondatore e leader della band nata come side-project dei The National. Un disco che è conseguenza proprio della visita dei Giardini la Mortella e di un rapporto di amicizia nato con la compianta con Lady Susan Walton. Un lavoro che è una piccola gemma, capace come è di andare oltre la tipica forma canzone e di unire universi lontani tra loro, come musica da camera, folk-rock e contemporanea.

A spiccare è la magica ‘Red Seas‘ (chiaro riferimento al tramonto foriano) che, con alla voce uno straordinario Padma Newsome, sembra tradurre in musica – nella maniera della migliore tradizione del folk americano – l’atmosfera  rilassante dei giardini voluti dai coniugi Walton. Simpatico e significativo è ‘Coccodrillo‘, il brano d’apertura in cui vengono elencate le creature, finte e vere, presenti nel giardino: “Coccodrillo, rana, lucciola, sirena, geco, capre nana, pappagallo, un vecchio olivo e un pesce rosso, una chorisia e un iguana, queste sono le creature del giardino di Lady Walton”.

 

Red seas come but once,
red eyes all too few.
They lie like they become.
She used to say,
“look away, look away,”
but now the words have changed.
I miss you when you’re gone.
Seven times the loss.
One error after another,
One error after another.
Red seas come but once,
red eyes all too few.
They lie like they become.
They lie like they become.

 

LA MORTELLA – Foto Isclano

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: